Home Avellino Calcio Avellino, Pisano: “A Latina ambiente caldo. Vorrei rimanere in biancoverde ”

Avellino, Pisano: “A Latina ambiente caldo. Vorrei rimanere in biancoverde ”

L’Avellino da una settimana ha un nuovo allenatore, Dario Marcolin, ha sostituito Attilio Tesser, ed ha esordito con un buon pareggio interno contro il Crotone, fermando l’emorragia di due sconfitte interne consecutive. Dopo la seduta di allenamento, ad accomodarsi in sala stampa l’acquisto di gennaio, Francesco Pisano.

“Quando si cambia allenatore è sempre un nuovo inizio, nuovi schemi, nuove tattiche, bisogna assimilare rapidamente il concetto del nuovo mister, per non arrivare impreparati durante la partita. Marcolin, utilizza un modulo diverso da Tesser, siamo più corti e ricopriamo il campo in maniera differente, anche se al momento non ci sono grosse differenze. Il punto conquistato contro il Crotone è stato un ottimo segnale, sia per noi che per la piazza.”

PUBBLICITÀ

Il Latina

Arriva la trasferta di Latina, dove dovrebbe iniziare a scorgersi la mano di mister Marcolin.
“Andremo a giocare in un ambiente molto caldo, simile a quello di Avellino per passione. Il Latina ha perso una brutta partita a Cesena, la loro situazione in classifica è molto delicata, in settimana hanno ricevuto delle contestazioni. Sono sicuro che affronteranno la gara contro di noi agguerriti come non mai, dovremmo stare attenti a gestire al meglio le loro ripartenze e aggredirli sul loro possesso palla.

Forma fisica

“Devo gestirmi meglio in tutti i novanta minuti perché non ho una buona preparazione atletica, colpa soprattutto della non esaltante esperienza inglese, dove non ho mai giocato ne legato con il gruppo. Ad Avellino mi sto trovando benissimo,gioco sereno e sono felice, mi piacerebbe rimanere anche la prossima stagione ”.

Obbiettivi

“Possiamo puntare ad un buon obbiettivo, ha concluso Pisano a proposito della possibilità di raggiungere i playoff , per ora dobbiamo assimilare le direttive del mister, cecare di capire cosa ci chiede e riuscire a metterlo sul campo. Al momento siamo sulla buona strada, dobbiamo pensare a una partita per volta. Mancano ancora nove gare e può accadere di tutto, nulla ci deve essere precluso”.