Home Altri Sport SEZIONE ARBITRI DI AVELLINO: 75 ANNI DI ATTIVITA’

SEZIONE ARBITRI DI AVELLINO: 75 ANNI DI ATTIVITA’

SPORT E STORIA – Presso le sale del carcere borbonico di Avellino si e’ svolta nella serata del 15 dicembre la cerimonia del 75°anno di vita della locale sezione degli arbitri irpini.Frutto dell’ organizzazione del Presidente Zaccaria, dei vice Ruggiero e Parrella, del segretario Roselli ed altri si e’ tenuto nell’occasione un interessante convegno che ha visto la presenza di numerose personalita’ quali il presidente nazionale dell’AIA Nicchi, il vice Pisacreta, il presidente regionale del Coni Cosimo Sibilia, del Questore Ficarra, arbitro benemerito, il Presidente del CRA Quartuccio ed i rappresentanti all’unanimita’ delle sezioni campane, Tra gli altri il Segretario Generale della Provincia di Avellino arbitri avellinoCiccone, anch’egli associato ed il neo promosso arbitro nella massima serie, il campano Fabio Maresca.La nascita della sezione avellinese che risale all’anno 1939, ha avuto inizi difficili e pioneristici data l’epoca per poi continuare con alterne fortune e culminare negli anni novanta con la presenza di numerosi arbitri e assistenti a livello nazionale.La sezione di Avellino conta oggi 180 iscritti tra arbitri, osservatori ed assistenti ed organizza ogni anno corsi di formazione per una cinquantina di nuove leve che desiderano cimentarsi in tale attivita’, a seguito di selettive prove tecniche ed atletiche.Il Presidente dell’Aia Nicchi evidenziando l’importanza di essere vicini alle sezioni locali e alle realta’ territoriali si complimentava con i fischietti locali spronandoli a continuare l’attivita’con immutato trasporto e passione. Egli sottolineava il ruolo carismatico ed affascinante dell’arbitro, figura che impersona lealta’ ed autorevolezza insieme.I partecipanti alla manifestazione hanno potuto ammirare la mostra allestita nelle eleganti sale della struttura delle divise arbitrali ed oggettistica dal dopoguerra ai giorni nostri e delle numerose targhe e trofei attribuiti ai fischietti irpini distintisi in varie epoche.

PUBBLICITÀ