Home Calcio Annunciate le partite di Champions League trasmesse da Mediaset

Annunciate le partite di Champions League trasmesse da Mediaset

Il Biscione comunica l’elenco completo dei match visibili in chiaro

In anteprima sul blog televisivo “Bubinoblog” è stato reso noto l’elenco dei match relativi alla Champions League, che Canale 5 trasmetterà durante la fase a gironi.

La prima gara visibile sul tasto 5 del telecomando sarà l’esordio in Champions del Napoli di mister Ancelotti, al San Paolo contro il Liverpool martedì 17 settembre. Per la 2°giornata, gli spettatori in chiaro assisteranno alla prima sfida casalinga in coppa della Juventus del neo tecnico Sarri, contro gli insidiosi tedeschi del Bayer Leverkusen prevista per martedì 1°ottobre.

PUBBLICITÀ

Invece, per la 3°giornata l’ammiraglia del Biscione mostrerà al pubblico la storica prima partita (e trasferta) della sorprendente  Atalanta contro il Manchester City, in programma martedì 22 ottobre. Invece, martedì 5 novembre si potrà seguire la sfida in terra tedesca tra Borussia Dortmund e Inter. Della penultima giornata della fase a gironi, verrà trasmesso lo scontro casalingo della Juventus contro l’Atletico Madrid, in calendario martedì 26 novembre, Infine, Mediaset chiuderà la visione della fase a gironi con il big match al San Siro tra Inter e Barcellona, pianificato per martedì 10 dicembre.

Leggendo attentamente l’elenco, ci si accorge subito di una novità, ovvero tutti i match sono previsti di martedì, anziché al mercoledì, giorno tradizionalmente dedicato alla visione di una partita in chiaro relativa a una squadra italiana. Ciò si è reso possibile grazie alla modifica dell’accordo tra Sky, detentrice dei diritti per l’intera competizione, e Mediaset, che ha ottenuto dall’azienda satellitare, la facoltà di scegliere quale partita con un club italiano trasmettere tra martedì e mercoledì. Di conseguenza, viene scongiurata la possibilità, verificatasi nel passato, che le reti generaliste siano costrette a trasmettere partite di squadre straniere, perché magari l’unica compagine italiana ancora in gara giocava il martedì.