Home News Giuseppe Moscati, la ricorrenza di un Santo Irpino.

Giuseppe Moscati, la ricorrenza di un Santo Irpino.

Una Ricorrenza irpina, Campana da ricordare San Giuseppe Moscati, il medico Santo.
La Storia – A trentun’anni gli fu conferita la libera docenza in Chimica Fisiologica, su proposta del professor Antonio Cardarelli. Moscati fu tra l’altro tra i primi a sperimentare l’insulina e ad organizzare un gruppo di persone per la cura del diabete. Nel 1917 rinunciò alla cattedra universitaria e all’insegnamento, per continuare il proprio lavoro in ospedale e restare accanto agli infermi ai quali era molto legato. Moscati dedicò la sua attività e tutta la sua vita alla carità, all’assistenza dei sofferenti, anche nei quartieri più poveri ed abbandonati della città, curandoli gratuitamente ed anche aiutandoli economicamente. Per lui scienza e fede non erano in contrapposizione perchè entrambe operavano per il bene dell’uomo. Nonostante la sua fama si allontanò sempre dagli agi e dalle ricchezze, prediligendo uno stile di vita semplice e dedicandosi pienamente ai bisognosi. Il 12 aprile 1927, dopo aver preso parte alla Messa si sentì male e morì a soli 46 anni. La notizia creò scalpore tra i cittadini e si sparse subito la voce che era morto il medico santo. Il 16 novembre 1930 i suoi resti mortali furono traslati dal Cimitero di Poggioreale alla Chiesa del Gesù Nuovo, racchiusi in un’urna bronzea, ad opera dello scultore Amedeo Garufi. Il pontefice Paolo VI lo proclamò beato il 16 novembre 1975 per poi proclamarlo beato e il 25 ottobre 1987 fu proclamato Santo da Giovanni Paolo II. Il modus vivendi del medico-santo fu imperterrito: “Ama la verità; mostrati qual sei, e senza infingimenti e senza paure e senza riguardi. E se la verità ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo. E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio”. Ieri a Serino per la ricorrenza si sono incontrate le mense dei poveri della provincia irpina per ricordare il Santo dei poveri.