Yahoo Answers chiude: ecco perché

Dopo 16 anni, il servizio che fornisce una risposta a qualsiasi stravagante domanda, scomparirà dal 4 maggio prossimo

Yahoo Answers chiude - ecco perché

Addio al famoso sito Yahoo Answers da martedì 4 maggio. Questa è la decisione ufficiale comunicata dall’azienda ed è già rimbalzata sui media di mezzo mondo. Nei primi anni 2000 il portale era massicciamente utilizzato per richiedere risposte a domande si variato genere, anche le più strampalate.

Proprio per il carattere strambo di diversi quesiti, il sito si era distinto in negativo negli ultimi anni, ormai superato dal maggior rigore scientifico, riscontrabile da portali quali Wikipedia e Quora (sito ospitante anche titolati esperti), così come dai social network, dalle platee virtuali più ampie. Proprio diversi utenti sui social hanno espresso il loro momento nostalgia, emerso dalla notizia della chiusura. I ricordi si sono concentrati sugli argomenti più richiesti, come domande sul sesso, anche su aspetti notoriamente conosciuti; così come numerosi aiuti per lo svolgimento dei compiti scolastici, tra problemi di matematica, versioni di latino ed altro.

Le ragioni della chiusura non sono state esplicitate dall’azienda; per questo motivo, sono spuntate le più disparate ipotesi: difficoltà a moderare il carattere antiscientifico per determinati quesiti e le relative risposte, specie nel periodo di un incremento d’uso dovuto alla pandemia; domande per lo più di estrema destra sul presidente USA, Biden, secondo i media statunitensi; bassa redditività del sito per essere diventato superato, fuori moda.

L’eliminazione del sito avverrà, tuttavia, per fasi graduali. Dal 20 aprile sarà consentito soltanto leggere domande e risposte già pubblicate, non ammettendo la pubblicazione di ulteriori quesiti a cui ricevere risposta. Dal 4 maggio invece, il portale scomparirà del tutto. Gli utenti più affezionati, però, potranno chiedere alla piattaforma, fino al 30 giugno il download dei vecchi dati, che includono tutte le domande e le risposte fornite dal titolare del profilo, ma non contenuti, risposte e domande di altri account.