Udc di Andrano si schiera per il No al Referendum Costituzionale

Politica – Anche l’UDC Pugliese in un recente dibattito tenuto ad Andrano, si è con convinzione schierato a favore del No al Referendum Costituzionale del prossimo 4 dicembre, l’occasione è stato proprio un convegno organizzato dai giovani dell’Udc di Andrano coordinati dalla Dottoressa Angelica Stefanelli membro dei giovani Udc della regione Puglia da anni impegnata in politica dalla parte della gente e tra la gente. “La diga tra democratici cristiani e partito democratico sta nell’insegnamento di De Gasperi, che al testo a suo tempo di revisione costituzionale abbandonò i banchi del governo e si sedette tra le fila dei parlamentari, invece Renzi ha addirittura politicizzato e personalizzato un referendum costituzionale. Il popolo deve tornare protagonista è non lo si fa accentrando il potere, questa riforma cosi come è impostata non può essere votata e non ci convince per niente” – questo è quanto dichiarato del portavoce nazionale Udc Michele Guerrieri “Questa riforma stravolge i principi e l’intero sistema della nostra costituzione, visto che toglie ai cittadini il potere di eleggere i Senatori, questa riforma mette ai margini la nostra democrazia indebolendone i suoi valori fondanti, e riducendo lo spazio di partecipazione del popolo sovrano, dietro questa riforma si cela un grave rischio per la tenuta dei nostri equilibri istituzionali, ecco perché noi operatori della politica ci opponiamo a questa scellerata riforma, e soprattutto noi giovani faremo sentire forte il nostro No, e insieme agli amici del Sud e soprattutto della Campania siamo pronti ad organizzare altri eventi e dibattiti per far sentire forte la nostra voce e le nostre idee.” – dichiara Angelica Stefanelli. L’incontro è stato concluso dall’Onorevole e Segretario Udc della Puglia Salvatore Ruggeri che ha ribadito nel suo intervento i tanti punti negativi che la riforma porta con sé,  tra i quali la limitazione degli spazi di partecipazione per i cittadini ed è per questo motivo che l’Udc voterà No e farà votare No al Referendum  Confermativo.