Renzi a Bagnoli, la dura polemica del comitato Bagnoli Libera

Politica – Prevista per il prossimo 6 aprile l’arrivo del premier Matteo Reanzi a Napoli.  Dura la reazione del comitato Bagnoli Libera. Hanno scritto sulla loro pagina facebook quanto ripreso: “prima un corteo e poi un’assemblea con l’obiettivo di “arrivare in piazza del Plebiscito per sfiduciare dal basso il governo Renzi”. “Non siamo disponibili ad accettare intimidazioni, divieti e limitazioni del legittimo diritto al dissenso nei confronti delle politiche antidemocratiche del Governo Renzi. “Negli ultimi giorni, attraverso un’operazione ormai rituale di criminalizzazione del dissenso e dei movimenti sociali il Pd ha costruito ad arte un clima di terrorismo mediatico sulla giornata del 6 aprile – si legge ancora su Facebook – È evidente che il tentativo di oscurare le ragioni della protesta, spostando l’attenzione sull’ordine pubblico, è espressione della debolezza politica di un partito ai minimi storici in termini di consenso a causa dei recenti scandali che hanno coinvolto i ministri del governo e gli attori della politica locale a margine delle primarie – truffa”. Gli attivisti hanno poi concluso: “Come abbiamo fatto nel corso degli ultimi anni, saremo per le strade della nostra città per difendere i diritti dei tanti calpestati da un governo autoritario e colluso con affaristi e potentati economici e non lasceremo che questi temi vengano ricondotti ad un pretestuoso problema di ordine pubblico”.