Home Politica Marino ritira le dimissioni, ma la giunta è pronta a farsi da...

Marino ritira le dimissioni, ma la giunta è pronta a farsi da parte

Secondo fonti Pd, sarebbero già 25 i consiglieri comunali decisi a dimettersi per ‘facilitare’ la fine della giunta Marino: oltre ai 19 consiglieri dem, ci sarebbero i 2 della lista Marchini (Marchini stesso e Alessandro Onorato), Parrucci di Centro Democratico, Cantiani del PdL, Svetlana Celli e Di Noi del gruppo Misto. A questi si aggiungerebbe Sveva Belviso che ha già fatto sapere di essere pronta a dimettersi una volta raggiunta quota 25, con la matematica impossibilità del Consiglio Comunale a riunirsi. Il ritiro delle dimissioni di Marino ieri, è diventato ufficiale in serata quando il documento è stato protocollato in Campidoglio. “Sono stato eletto con il voto favorevole del 64 per cento delle romane e dei romani. Con un programma che ha fermato il consociativismo, ha fortemente voluto il risanamento dei debiti miliardari nel Comune e nelle aziende municipalizzate. Oggi la città può riprendere ad investire -. Mentre sono certo che il nostro operato abbia con fatica raggiunto l’obiettivo di ripristinare legalità e trasparenza dell’agire amministrativo, mi è chiaro che questo sforzo non è stato da solo sufficiente a garantire i necessari risultati di buon governo della città. Pur rivendicando ogni atto e ogni scelta fatta in questi due anni e mezzo per cambiare Roma, non ho difficoltà ad ammettere alcuni errori. Costretto dalle difficoltà e dalla resistenza dei poteri che stavamo sfidando a lavorare giorno e notte per portare a risultato ognuna delle nostre scelte, ho dato l’impressione di non voler dialogare e di non voler condividere queste scelte con la città, che talvolta ha così ha percepito di subirle”. “Per il sacrale rispetto che si deve alla stessa Assemblea ed alle sue prerogative, espressioni della sovrana volontà popolare, ritengo di dover sospendere (nelle more della convocazione richiesta) le riunioni dell’organo di governo capitolino e di conseguenza di inibire momentaneamente gli effetti degli atti di conferimento delle deleghe assessorili, in attesa di verificare la sussistenza delle condizioni politico-amministrative che permettano la prosecuzione del mandato”.  Il ritiro delle dimissioni non piace a  7 assessori che decidono di dimettersi in seguito all’annuncio. Rassegnano le dimissioni il  vicesindaco Marco Causi, Stefano Esposito e Luigina Di Liegro,  al termine della seduta di giunta altri quattro assessori hanno confermato di rimettere il loro mandato: Alfonso Sabella, Giovanna Marinelli, Maurizio Pucci, Marco Rossi Doria. Nell’esecutivo capitolino restano dunque 5 assessori: Marta Leonori, Francesca Danese, Estella Marino, Alessandra Cattoi e Giovanni Caudo .