Home Salute Lorenzin, l’Italia ha i ricercatori migliori, la ricerca deve essere una strategia...

Lorenzin, l’Italia ha i ricercatori migliori, la ricerca deve essere una strategia di crescita

“L’ Italia è tra le migliori al mondo nel campo della ricerca, siamo il quinto paese per pubblicazioni scientifiche ed è al 12esimo posto per investimenti nella ricerca biomedica, ma nonostante tanta produzione, sono poche le ricerche che si sviluppano poi in opportunità concrete come start-up o brevetti, e questo è un vulnus”. Così il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Il punto,è “far comprendere al Paese che la ricerca è una strategia per l’Italia ed un elemento su cui puntare per crescere,creare sviluppo e dare maggiori possibilità a cittadini e pazienti”.

#ricercaperlasalute – Il Ministro Lorenzin ha presentato in Conferenza stampa gli Stati Generali della Ricerca Sanitaria che si terranno il 27 e 28 aprile a Roma presso l’Auditorium del Massimo. Non sarà una Conferenza in senso tradizionale, ma un Workshop di confronto con il mondo della ricerca. Gli Stati Generali saranno l’occasione per riflettere su come la ricerca possa tradursi in un vantaggio concreto per la salute dei cittadini.

PUBBLICITÀ

Alle giornate degli Stati generali prenderanno parte 145 relatori, fra istituzioni e ricercatori. I lavori saranno aperti dal Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, interverranno il Ministro Stefania Giannini e il Ministro Maurizio Martina.

Qual e’ la situazione della ricerca scientifica oggi nel nostro Paese? Quali sono i settori di eccellenza e come affrontano i giovani le sfide di questa professione? Quali iniziative vanno intraprese per favorire la mobilita’ dei ricercatori da e verso il nostro Paese? Come consolidare la cooperazione tra mondo accademico e aziende private in termini di innovazione e sviluppo? Qual e’ lo stato degli investimenti per la ricerca in un settore cruciale per il nostro Paese, quello agroalimentare? Come l’Italia si sta preparando ad affrontare le sfide nei settori della prevenzione e della terapia molecolare e genica? Sono solo alcuni degli interrogativi che verranno affrontati durante gli Stati Generali della Ricerca Sanitaria, organizzati dal Ministero della Salute il 27 e 28 aprile a Roma, presso l’Auditorium del Massimo (via Massimiliano Massimo 1) alla presenza delle piu’ alte cariche istituzionali e con la partecipazione di autorita’ accademiche e scientifiche, ricercatori e rappresentanti dei pazienti, del mondo industriale, della finanza. Saranno presenti 150 relatori e ad oggi hanno gia’ confermato la loro presenza 2.000 invitati.

Durante l’evento saranno presenti gli Stand delle Reti degli IRCCS Cardiologica, Neurologica e Oncologica e dell’INAIL e dell’Istituto Superiore di Sanità, in cui verranno presentate le pubblicazioni scientifiche, ma anche le innovazioni tecnologiche degli enti di ricerca.

Gli Stati generali – ha sottolineato Giovanni Leonardi, Direttore generale della ricerca e dell’innovazione in
sanità – verteranno su tre temi principali che sono: l’internazionalizzazione della ricerca, il trasferimento tecnologico e la figura professionale del ricercatore biomedico in Italia.

Durante l’evento è prevista una sessione dei lavori interamente dedicata alle scuole; i ricercatori degli IRCCS incontreranno gli studenti, per avvicinare il mondo della scienza alle giovani generazioni.

PUBBLICITÀ

Sarà possibile seguire la diretta streaming dell’evento nell’area video del sito www.statigeneraliricercasanitaria.it.
Durante i giorni del convegno sarà possibile seguire anche i tweet in diretta dall’account Twitter: @ricercainsalute oppure attraverso l’hashtag #ricercaperlasalute. Sempre su Twitter per i giorni dell’evento saranno caricati in diretta alcune pillole video attraverso Periscope.
Per stimolare il dibattito, porre domande o intervenire è attiva la pagina Facebook dell’evento:https://www.facebook.com/ricercasanitaria