La terra trema ancora / Nuova scossa di magnitudo 4.8

PIEVE TORINA – Il terremoto fa paura si sa, ti coglie impreparato sempre e ovunque ma quando a calar del sole giungono le scosse hanno un valore aggiunto, quasi di terrore. Sarà stata questa la sensazione che hanno dovuto provare tutte quelle persone che questa notte hanno avvertito, come ormai accade da giorni, un’altra forte scosse di terremoto. Infatti, un nuovo sciame sismico si è avuto verso l’1 e 38 della notte tra mercoledì e giovedì e stando a quanto affermato dai sismologi la scossa è stata avvertita in modo del tutto chiaro nelle Marche così come nel Lazio e in Umbria. Stando ai primi rilevamenti effettuati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il sisma ha toccato una magnitudo di 4,8 ed ha avuto origine a otto chilometri di profondità. Il suo epicentro si è registrato in una delle tante province di Macerata e più precisamente a Pieve Torina, un comune già fortemente danneggiato dagli eventi sismici che si sono avuti il 26 e il 30 ottobre. La scossa di terremoto si è protratta per molti secondi ed è stata avvertita in tutta l’area, tra cui gli abitati di Muccia, Fiastra, Visso, Ussita, e anche nello Spoletino, dove ha creato panico nella popolazione. Ad Ussita si registrano, nel frattempo, nuovo crolli ma per fortuna ad edifici già pericolanti e destinati alla demolizione. Nella notte sono state più di 105 le scosse con magnitudo superiore a due che si sono avvertite in tutte le zone terremotate estendendosi alle prime luci dell’alba sin anche in alcune zone della Toscana e avente come epicentro la città di Arezzo. Altre scosse sono state registrate anche a in provincia dell’Aquila dove alle 6e18 la terra ha tremato con una magnitudo 2.3 e a Castelfiorentino, dopo la mezzanotte si è avuta una scossa di magnitudo 2 a una profondità di 9 km.