La Soprintendenza a Montoro per la raccolta dati dei reperti rinvenuti

Nella giornata dell’11 ottobre c’era stato un ritrovamento, alla frazione Misciano, di una probabile tomba con al suo interno uno scheletro adagiato su un piano dì more rossiccio, probabilmente mattoni, su una parete sterrata, a monte del vallone (circa 8-900 metri dalla vasca di laminazione), da parte della Polizia Municipale.

Il Sindaco di Montoro, Mario Bianchino,  dopo aver fatto richiesta urgente, ha incontrato, presso la Casa Comunale, la Dott.ssa Maria Antonietta Iannelli della Soprintendenza dell’Archeologica della Campania, insieme all’Ispettore Onorario Dott. Vincenzo D’Alessio e la Dott.ssa Concetta Filodemo, che hanno provveduto ad effettuare le verifiche necessarie circa il rinvenimento di possibili reperti tombali con resti ossei di possibile riferimento umano in località Vallone, in una zona già vincolata dalla Soprintendenza stessa. Gli esperti, dopo aver visionato attentamente il luogo hanno provveduto alla raccolta dei dati e dei campioni tra il terriccio franato. L’Amministrazione Comunale, ha provveduto a mettere a disposizione operai addetti, per il recupero totale e l’esame dei materiali, che saranno da ausilio agli esperti della Soprintendenza dell’Archeologica della Campania.
misciano reperti-min