Isis, nuove minacce di morte a Twitter

isis

Nuove minacce a Twitter targate Isis: un appello ad uccidere i dipendenti ed il fondatore del social network Jack Dorsey è comparso sul web. “La vostra guerra virtuale contro di noi causerà una guerra reale contro di voi”, si legge in un testo in arabo pubblicato da presunti fiancheggiatori dell’autoproclamato Stato islamico e corredato da un’immagine di Dorsey al centro di un mirino. “Avete iniziato questa guerra fallimentare – prosegue il messaggio -.

Vi avevamo detto dall’inizio che non è la vostra guerra, ma non lo avete capito e avete continuato a chiudere i nostri account su Twitter, ma come vedete noi torniamo sempre. Ma quando i nostri leoni (uomini coraggiosi) verranno a togliervi il respiro, allora voi non resusciterete”. “A tutti i jihadisti individuali nel mondo – è l’appello contenuto nel testo -: colpite Twitter e i suoi interessi in ogni luogo, persona ed edificio, e non lasciate sopravvivere nessun ateo”. Intanto si apprende che Twitter sta collaborando con le autorità per verificare l’attendibilità delle minacce lanciate online dai jihadisti dello Stato islamico. «Il nostro personale di sicurezza sta verificando l’autenticità di queste minacce con le autorità competenti», si legge in un comunicato di Twitter pubblicato dalla Cnbc. La presunta minaccia è apparsa su un sito web di pastebin (solitamente usato dai programmatori per archiviare e condividere frammenti ed esempi di codice sorgente) con sede in Polonia, secondo quanto riporta la Nbc. L’esercito iracheno, appoggiato da combattenti sciiti e sunniti, ha dato il via ad una operazione militare su larga scala per riconquistare la città natale di Saddam Hussein, Tikrit, in mano all’ Isis: lo ha reso noto la tv statale irachena. Partecipano all’operazione anche unità aeree e di artiglieria.