Home Attualità Halloween: negli Usa si progetta il riutilizzo degli scarti delle Zucche

Halloween: negli Usa si progetta il riutilizzo degli scarti delle Zucche

Halloween pumpkins

E’ il giorno di Halloween, il fine settimana in cui ricade la ricorrenza degli Ognissanti: All Hallow Eve. La festa del 31 ottobre è una variante scozzese del nome. Halloween ha origine nell’Europa precristiana e in particolare nelle tradizioni celtiche. Per queste popolazioni delle isole britanniche il 31 ottobre rappresentava il vero termine della stagione estiva.
Halloween è una festività pagana, diversa da Ognissanti del 1° novembre che è festività religiosa. C’è chi la considera una festività legata a Satana e il 31 ottobre sarebbe anche l’inizio del nuovo anno per le streghe. Negli ultimi anni si sta sviluppando sempre più la tendenza di “snobbare” Halloween con l’avvento di Holyween, la notte dei Santi. In pratica si chiede alle parrocchie e agli abitanti delle città, delle contrade e dei paesi, di affiggere sulle finestre, sui balconi o sulle porte delle immagini di Santi a noi cari. Si moltiplicano, anno dopo anno, le iniziative promosse dalle diocesi italiane con l’obiettivo di recuperare, in modo particolare tra i giovani, il vero significato della festa di Ognissanti. Quest’anno, quindi, niente streghe, zombies, scheletri e zucche intagliate: la notte fra il 31 ottobre e il primo novembre sarà per giovani e adolescenti la “Notte dei Santi”.
Il classico “trick or treat”, dolcetto o scherzetto (tradotto in italiano) pare resti ancora la passione e la tradizione per i più piccoli, con i bambini che si travestono e vanno di porta in porta a chiedere dolciumi e spiccioli minacciando di fare uno scherzetto se non verranno dati. La Zucca, l’alimento predominante ad Halloween, e il suo intaglio, deriva dal personaggio di Jack-o’-Lantern, una leggenda che narra che Jack, un fabbro irlandese furbo e ubriacone, incontrò il diavolo al bar. Il diavolo voleva la sua anima, ma Jack lo convinse a trasformarsi in una moneta in cambio di un’ultima bevuta. Passati dieci anni il diavolo si ripresentò e i due fecero un patto: libertà per il diavolo e niente dannazione eterna per Jack. Alla morte l’uomo non fu accolto né in paradiso né all’inferno. Il diavolo gli lanciò un tizzone ardente che finì in una rapa come lanterna. Da allora Jack gira senza pace per trovare un rifugio.halloween Prima della zucca si intagliano le rape come lanterne. Rappresentavano le anime del purgatorio. I colori predominanti della festa, sono il nero, il viola e l’arancione. Una grande curiosità riguarda l’aspetto solidale, fin dagli anni 50 l’Unicef ha dedicato la raccolta fondi in questa giornata ai bambini che hanno bisogno di più delle caramelle. Nel 2015 ci sono i Peanuts come testimonial, insomma Linus andrà a cercare il suo grande cocomero che poi nella versione originale era una zucca. Ma c’è di più: negli Stati Uniti, ogni anno migliaia di tonnellate di zucche utilizzate per le decorazioni di Halloween finiscono nella spazzatura, contribuendo all’inquinamento. Il dipartimento Usa dell’Energia è corso ai ripari, finanziando una serie di bioraffinerie per convertire i rifiuti in energia. Oltre a limitare le emissioni di metano causate dall’eliminazioni degli scarti stessi, l’utilizzo dei rifiuti delle zucche servirà per produrre energia che contribuirà a ridurre la dipendenza dal carbone.
Il dipartimento americano finanzierà tre compagnie per progetti che creeranno biocarburanti per uso militare. Due di queste, una volta a regime, produrranno 350 milioni di litri di biocarburanti all’anno.