Home Economia & Lavoro Guardando il calendario, ecco i possibili ponti festivi per il 2018

Guardando il calendario, ecco i possibili ponti festivi per il 2018

Periodi favorevoli 25 aprile, Ferragosto e vacanze di Natale

Appena arriva l’anno nuovo, un lavoratore in genere dà un’occhiata al calendario per capire quanti ponti festivi sono possibili. Ogni lavoro ha le sue priorità e tempi di gestione, pertanto un libero professionista potrà gestire autonomamente i ponti, piuttosto che un turnista o lavoratore dipendente, che deve necessariamente rispettare le impostazioni aziendali.

A questo punto si guarda subito al mese iniziale dell’anno, cioè gennaio. Nei primi 31 giorni del 2018, purtroppo l’Epifania (6 gennaio) cade di sabato, dunque è davvero difficile legare altri giorni di vacanza.

Una delle maggiori ricorrenze religiose, cioè Pasqua, che cadrà domenica 1°aprile, abbinata alla Pasquetta, darà poi l’occasione di uscire per qualche giorno a chi ha figli per via delle vacanze scolastiche. Sempre nel quarto mese dell’anno, dato che la Festa della Liberazione (25 aprile) sarà di mercoledì, qualcuno può azzardare addirittura una settimana di ferie fino alla Festa dei Lavoratori (martedì 1°maggio).

Invece i giorni rossi previsti nel periodo estivo iniziano con la Festa della Repubblica (2 giugno), che cadrà di sabato, dunque niente ponti. Se il 2 giugno nel 2018 non è favorevole, invece Ferragosto, che sarà di mercoledì, dunque nel mezzo della settimana, consentirà una maggiore apertura nel concedersi un periodo di relax maggiore: da sabato 11 a mercoledì 15, da mercoledì 15 a domenica 19 oppure addirittura da sabato 11 a domenica 19, per un totale di ben dieci giorni di riposo nell’ultimo caso. Tuttavia sono ipotesi che non toccano tutte le categorie di lavoratori, ma essenzialmente i liberi professionisti, che possono “permettersi” di allungare le vacanze. Difficile infatti per un turnista o un lavoratore dipendente ambire ai 10 giorni di vacanza.

Come di consueto, la successiva festa dopo Ferragosto è Ognissanti (1°novembre), nel 2018 cade di giovedì, quindi si potrà aggiungere anche il venerdì, in questo modo si starà ben 4 giorni a casa, cioè da giovedì 1 a domenica 4.

Se per l’Immacolata (sabato 8 dicembre), nulla è possibile; la bella notizia per gli amanti dei ponti è, invece, l’ampia possibilità di legare altri giorni durante il periodo natalizio. I tipici giorni di non lavoro sono il sabato e la domenica, nella fattispecie 22,23,29 e 30 dicembre, nonché Natale e Santo Stefano, cioè martedì 25 e mercoledì 26. A questi si possono aggiungere 3 giornate di ferie, cioè lunedì 24, giovedì 27, venerdì 28 in questo modo chi riuscirà ad organizzarle per tempo potrà riposarsi per ben undici giorni di fila, ossia da sabato 22 a martedì 1° gennaio 2019.