Home Economia & Lavoro Fisco: al via il modello 730 precompilato 2016

Fisco: al via il modello 730 precompilato 2016

Dal prossimo 15 aprile  arriva ufficialmente la versione precompilata 2016 per le dichiarazioni, tra 730 e unico, con 700 milioni di dati in più per semplificare ed eliminare i controlli. A renderlo noto è l’Agenzia delle Entrate che comunica che i modelli saranno disponibili online a metà aprile. Nelle dichiarazioni troviamo nuovi modelli con l’aggiunta delle voci relativamente alle spese di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico, ai versamenti col modello F24, alle compravendite di immobili e ai contratti di locazione registrat in più gli oneri detraibili e deducibili sostenuti dai contribuenti (ad es. interessi passivi sui mutui, premi assicurativi, spese funebri, spese mediche, universitarie, ecc.). Il 730 precompilato può essere presentato direttamente oppure tramite sostituto d’imposta, Caf o professionista abilitato. Il contribuente che intende presentare il 730 precompilato direttamente tramite il sito internet dell’Agenzia delle Entrate deve indicare i dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio e compilare la scheda per la scelta della destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille dell’Irpef, anche se non esprime alcuna scelta. Occorre poi verificare la correttezza e la completezza dei dati già indicati.Il 730 precompilato presentato direttamente attraverso l’applicazione web deve essere inviato entro il 7 luglio. Se il 730 precompilato viene presentato senza effettuare modifiche direttamente tramite il sito internet dell’Agenzia oppure al sostituto d’imposta, non saranno effettuati i controlli documentali sugli oneri detraibili e deducibili. I controlli documentali possono riguardare, invece, i dati comunicati dai sostituti d’imposta mediante la Certificazione Unica. La dichiarazione precompilata si considera accettata anche se il contribuente effettua delle modifiche che non incidono sul calcolo del reddito complessivo o dell’imposta (ad esempio se vengono variati i dati della residenza anagrafica senza modificare il comune del domicilio fiscale).

PUBBLICITÀ