Sesso 3 volte a settimana: la ricetta naturale per eliminare i calcoli renali

Calcoli Renali addio – Uno studio turco ha dimostrato come il movimento sessuale e le conseguenti endorfine rilasciate durante il rapporto favoriscono l’espulsione dei calcoli renali. Calcoli renali sempre più dolorosi e fastidiosi? Arriva un rimedio decisamente piacevole e salutare, bere molta acqua durante la giornata, fare del sano sport, senza eccessivi sforzi, e fin qui tutto nella norma, la novità piacevole arriva direttamente da una ricerca,fare sesso almeno 3 volte alla settimana sarebbe un eccellente rimedio naturale per la cura di questa fastidiosissima patologia.

Una medicina naturale dunque che supererebbe l’efficacia di molti farmaci specializzati nella cura dei calcoli nell’uretra, fare sesso infatti aiuterebbe l’eliminazione dei fastidiosissimi e spesso dolorosi sassolini che si vanno a formare nel corpo

Perchè proprio il sesso? Secondo gli specialisti tutto parte dall’endorfina, ovvero gli ormoni che si attivano con il piacere. Il connubio tra il classico movimento meccanico del rapporto sessuale e il conseguente rilassamento muscolare indotto appunto dalle endorfine faciliterebbe l’espulsione dei calcoli nel tratto conclusivo dell’uretere.

LA RICERCA

La ricerca è stata portata avanti dal Dipartimento di Urologia del Training and Research Hospital di Ankara e ha visto prendere in esame 90 uomini,maggiorenni, con colica renale o diagnosi di calcolo ureterale, suddivisi in 3 gruppi . I pazienti che hanno calcolo renale | contattolab.itconcluso il test,durato 4 settimane sono stati 75. Ogni gruppo è stato istruito per compiere delle azioni specifiche, Ad un gruppo è stata data come unica indicazione quella di avere almeno 3 rapporti sessuali a settimana, al secondo è stato somministrato un farmaco alfa-litico, nel “gruppo controllo” è stata data una terapia sintomatica. Dopo 2 settimane i ricercatori hanno osservato che nel primo gruppo la percentuale di espulsioni spontanee dei calcoli era quasi doppia rispetto al gruppo 2 (84% contro 47%), mentre il terzo mostrava la percentuale più bassa (34%). A 4 settimane il 93,5% dei pazienti del gruppo 1, l’81% del gruppo 2 e il 78% del 3 avevano espulso spontaneamente i calcoli.