Home Politica Elezioni amministrative, Berlusconi corre ai ripari, liste civiche nei Comuni.

Elezioni amministrative, Berlusconi corre ai ripari, liste civiche nei Comuni.

Berlusconi e il lento declino di Forza Italia – “ Uniti si vince” è questo il motto del centrodestra nazionale, e in primis di Silvio Berlusconi, il quale deve fare i conti con gli ultimi sondaggi che danno Forza Italia in calo di consensi praticamente in ogni dove. Infatti, a leggere i sondaggi, il partito del cavaliere è sceso al di sotto del 10 per cento su base nazionale, mentre la Lega di Matteo Salvini rimane oltre il 15 per cento. In alcune città che andranno al voto come Roma, Forza Italia si attesta addirittura ad misero 6 per cento, solo a Napoli e a Milano gli azzurri si attestano ad un dignitoso 15 per cento, forse anche per il consenso personale di cui godono i due possibili candidati azzurri, Gianni Lettieri e Alessandro Sallusti. Ma la sostanza non cambia di molto, perché Forza Italia non è piu’ da tempo il baricentro del centrodestra italiano. Ha perso da tempo, un ruolo chiave e centrale, sia nelle dinamiche della coalizione, sia per tutto quello che concerne le politiche nazionali e regionali. Ecco perché il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi corre ai ripari, per evitare il peggio, per evitare che Salvini prenda il largo, e soprattutto per scongiurare una clamorosa sconfitta alle prossime amministrative, le quali avranno una valenza nazionale, pare appunto che l’ex Presidente del Consiglio, stia pensando alla presentazione di liste civiche in luogo di quelle di partito, quindi niente liste di partito per evitare il tracollo elettorale e di consenso. Con ogni probabilità ci sarà spazio per giovani e per molti esponenti della società civile pescati nel mondo delle imprese e della finanza, quindi volti nuovi, ma i metodi di selezione della classe dirigenza azzurra rimangono sempre gli stessi. Unità del centrodestra e liste civiche sono la ricetta che Silvio Berlusconi metterà in campo, per tentare di ribaltare i sondaggi ancora una volta, e lui come ci ha insegnato, da sempre,in questo è davvero bravo capace e non ha eguali o competitori.

A cura di Marco Grossi