Home Attualità Clima, superata la soglia dei gas serra, allarme Omn

Clima, superata la soglia dei gas serra, allarme Omn

Prima o poi pagheremo il conto, un vecchio detto antico valido soprattutto quando si parla di natura. Il 2014 è stato un annata devastante sotto il profilo dell’inquinamento, monossido di carbonio di altri gas serra nell’atmosfera hanno raggiunto  concentrazioni decisamente elevate. Secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm) che ha sollecitato nuove iniziative per contrastare questo fenomeno alla conferenza che si aprirà il 30 novembre a Parigi con un summit dei leader mondiali. “Ogni anno riferiamo di un nuovo record nelle concentrazioni di gas serra”, ha ricordato il capo dell’agenzia dell’Onu, Michel Jarraud, “ogni anno diciamo che il tempo si sta esaurendo. Dobbiamo agire per abbattere le emissioni di gas serra se vogliamo avere la possibilita’ di mantenere l’aumento delle temperature a livelli gestibili”. Secondo il bollettino dell’Omm, tra il 1990 e il 2014 c’è stato un aumento del 36% dell’effetto del riscaldamento sul nostro clima a causa di gas serra longevi come l’anidride carbonica (CO2), il metano (CH4) e il protossido di azoto (N20) prodotti da attività industriali, agricole e domestiche.Le concentrazioni atmosferiche di CO2 hanno raggiunto 397,7 parti per milione (ppm) nel 2014, precisa il Bollettino dell’Omm. Nella primavera del 2014, quando il CO2 risulta più abbondante, le concentrazioni nell’emisfero settentrionale hanno varcato la soglia simbolicamente significativa di 400 ppm e nella primavera 2015, la concentrazione media globale di CO2 ha superato il livello di 400 ppm. “Il CO2 non si vede.  una minaccia invisibile, ma molto reale che si traduce in temperature globali più alte ed eventi meteorologici estremi più numerosi come ondate di calore e inondazioni, scioglimento dei ghiacci, innalzamento del livello del mare e aumento dell’acidità degli oceani”, ha ricordato ill rapporto dell’Omm che evidenzia anche l’interazione e l’effetto di amplificazione tra i crescenti livelli di CO2 ed vapore acqueo.  A Parigi quindi la posta in ballo è altissima. Secondo uno studio americano, inoltre, il livello dei mari continua ad alzarsi e anche se il mondo dovesse essere in grado di limitare il riscaldamento globale a 2 gradi centigradi in più, megalopoli come Shanghai, Mumbai e Hong Kong rischiano di finire parzialmente sott’acqua. A +2 gradi centigradi, il livello dei mari continuerà ad alzarsi per coprire territori nei quali vivono oggi 280 milioni di persone, spiega lo studio elaborato dall’istituto di ricerca Climate Central.  Ancora peggiore la situazione se la temperatura media globale dovesse crescere di 4 gradi centigradi: sarebbero colpite 600 milioni di persone.