Home Salute Cibi scaduti: ecco i 10 cibi da mangiare dopo la scadenza, non...

Cibi scaduti: ecco i 10 cibi da mangiare dopo la scadenza, non sono tutti da buttare

La scadenza degli alimenti è da sempre uno degli argomenti più dibattuti nel settore. Le etichette con la scadenza sono affidabili? Se si quanto? Secondo una ricerca Il 90% dei consumatori getta nell’immondizia i cibi che sulla carta sarebbero scaduti, ma spesso non comprendendo il significato tra  “consumare preferibilmente entro”, “data di scadenza” e “da consumarsi entro”. A tal proposito Dan Cluderay , ingegnere britannico ha deciso di stilare una lista di 10 cibi che possono essere mangiati tranquillamente anche dopo la scadenza. La sola accortezza, afferma Cluderay e che gli alimenti siano sigillati.

La lista è stata pubblicata sul sito Approved Food, che da anni vende proprio questi alimenti scaduti, ovviamente a prezzo contenuto.

PUBBLICITÀ

Alcuni alimenti sono commestibili anche la scadenza, occhio a cosa gettate nella spazzatura.

Oltre ai consigli alimentari, Cluderay spiega la distinzione tra le diverse diciture riportate sull’etichetta. “Data di scadenza” indica che non è sicuro mangiare quel cibo oltre la data riportata; “da consumarsi entro” evidenzia il termine esatto entro cui l’alimento deve essere consumato; “da consumarsi preferibilmente entro”, invece, vuol dire che dopo la data indicata l’alimento è ancora commestibile.

La lista fa riferimento proprio a quest’ultima categoria. Ecco di seguito l’elenco completo dei dieci alimenti:

1. Latte – In questo caso per capire se il latte è andato a male bisogna seguire la regole della nonna: se l’odore è palesemente cattivo, può essere buttato.

2. Uova – Ancora una volta il rimedio della nonna rimane il più efficace: se immerse in una ciotola d’acqua le uova galleggiano, allora vuol dire che al loro interno si sono accumulati batteri e gas nocivi. Viceversa, se affondano, si possono ancora mangiare.

3. Cioccolato – La conservazione “prolungata” è garantita dalla quantità di zucchero contenuta nelle tavolette.


4. Yogurt – Può durare fino a sei settimane oltre la data di scadenza. Nel caso in cui si creasse uno strato di muffa, basta rimuoverla e mangiare la quantità sottostante.

5. Formaggio a pasta dura o stagionato – Anche in questo caso, in presenza di muffa, è sufficiente raschiare via la patina superficiale. Pratica assolutamente non valida per i formaggi a pasta molle.

6. Patatine – Di certo non il cibo più salutare del mondo, ma grazie alla presenza del sale la data di conservazione si prolunga ulteriormente.

7. Ketchup – Può essere consumato anche un anno oltre la data di scadenza, al patto che venga conservato “in un luogo fresco e asciutto” o in frigorifero.

8. Pane – Se appare un po’ indurito o stantio, basta riscaldarlo nel forno. A patto, però, che non presenti alcuna traccia di muffa.

9. Riso – Può durare mesi oltre la data di scadenza, anni se conservato sottovuoto.

10. Frutta e verdura – Anche in questo caso vale la regola empirica: se non c’è traccia di muffa e se gli alimenti non sono “mollicci”, allora si possono mangiare tranquillamente.