Home Territorio Cambierà l’arredo urbano al Corso di Avellino

Cambierà l’arredo urbano al Corso di Avellino

Avellino – I 12 gazebo e le panchine che costituiscono l’arredo urbano del Corso Vitt.Emanuele saranno delocalizzati. Non li rimpiangera’ nessuno dei cittadini avellinesi e neanche gli esercenti commerciali; alcuni titolari dei bar ne hanno usufruito periodicamente a caro prezzo; eppure i locali del Corso avrebbero bisogno di spazi esterni, adeguatamente allestiti con copertura e riscaldamento per ospitare gli avventori ai tavoli ma evidentemente gli attuali gazebi non sono adatti.
Di sicuro si rimpiangeranno i seicentomila euro spesi che potevano essere utilizzati piu’ proficuamente.
Ideati da un pool di professionisti dello studio Vele vincitore di un concorso ideato dalla Giunta Galasso, gli arredi sono stati installati nel 2008 a completamento del rifacimento totale del salotto buono, costato in totale cinque milioni di euro.
Spaziali, avveniristici, quanto inutili, i gazebo come le panchine non hanno mai incontrato il favore del cittadino, in quanto le panchine in marmo non sono state molto utilizzate in quanto fredde d’inverno, assolate d’estate e scomode in tutte le stagioni. Tali arredi saranno trasferiti in altre zone della citta’, quali parco Palatucci, al parco sgambamento cani di via Morelli e Silvati, nei quartieri San Tommaso, Quattrograne ovest e contrada Bagnoli. Il Corso, a detta del neo assessore Tomasone cambiera’aspetto in quanto saranno salvati soltanto gli alberelli e le aiuole gia’esistenti, saranno posate nuove comode panchine ed alberi ad intervalli di venti metri per creare continuita’ con viale Italia, sara’ creata inoltre la pista ciclabile di cui da tempo si sente l’esigenza.
Speriamo che il restiling apporti quei benefici minimi che la cittadinanza si aspetta, non come nella prima opera ove si e’ prediletta la forma senza badare a spese a scapito di praticita’ ed utilita’.

Dario Alvino