Home Italia & Esteri Cairo, attentato con autobomba al consolato italiano.

Cairo, attentato con autobomba al consolato italiano.

Questa mattina attorno alle 6.30 un’autobomba carica di esplosiva è stata fatta esplodere nei pressi del Consolato Italiano al Cairo, il plesso a quell’ora era chiuso, ciò nonostante ci sono state una vittima e 9 persone ferite, tre delle quali versano in gravissime condizioni, l’esplosione ha causato seri danni ad entrambe le facciate dell edificio.

Al momento non ci sono state rivendicazioni, ma ci troviamo in un periodo caldo per l’islam, in pieno Ramadan l’Isis continua ad esortare i suoi seguaci a colpire obiettivi occidentali. L’agenzia ufficiale Mena, citando fonti delle forze di sicurezza, riferisce che l’autobomba sarebbe stata fatta detonare con un ordigno a distanza lungo il lato sinistro dell’edificio.

Dunque il terrore continua a distanza di due settimane dal pesante attentato sulla spiaggia di Sousse in Tunisia, dove a perdere la vita sono state 38 persone, 30 delle quali Inglesi. Nel Paese Egiziano, per decenni meta di turismo europeo, è attiva un cellula di terroristi nati nel Sinai, Ansar Bait al Maqdis, guidati dal califfo Abu Bakr al Baghdadi, la stessa cellula che solo dieci giorni fa ha ucciso in un attacco mirato oltre 70 soldati.

Per l’esplosione sono stati utilizzati circa 250 chili di tritolo, lo riferisce il quotidiano “al Ahram” citando fonti della procura del Cairo. I terroristi, secondo gli esperti, avrebbero utilizzato gli stessi materiali adoperati la scorsa settimana per l’assassinio del procuratore capo egiziano Hisham Barakat. Le fonti sottolineano come il consolato italiano al Cairo si trovi non lontano dall’Alta corte egiziana e l’esplosione sia coincisa con il passaggio nell’area del giudice Ahmed al Fuddaly, molto vicino al presidente Abdel Fatah al Sisi.

Egitto: “Atto terroristico” – Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha rassicurato il Ministro Paolo Gentiloni. “L’Egitto farà ogni sforzo con tutti i Paesi del mondo, inclusa l’Italia, per sradicare ed eliminare il terrorismo”.

Gentiloni: “Un attacco all’Italia” – La bomba esplosa davanti al consolato italiano a Il Cairo “è un attacco diretto all’Italia”. Così ha dichiarato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni commentando la deflagrazione che ha provocato un morto e diversi feriti. “Non c’è nessun dubbio – ha aggiunto -. E’ stato un tentativo di intimidazione, un attacco alla presenza internazionale, ma anche un attacco all’Italia, Paese impegnato in prima linea nel contrasto al terrorismo”. Il ministro ha poi ribadito “la rinnovata determinazione dell’Italia” a combattere il terrorismo e l’Isis in particolare.

Sospesi i servizi consolari – L’ambasciata italiana ha informato che, a “seguito dell’attentato che ha colpito la sede del consolato italiano a Il Cairo, tutti i servizi consolari sono temporaneamente sospesi”.

ACQUISTA SU EBAY
Io, lui e nessun altro - Romanzo sulla dipendenza affettiva