Assistenti sociali, aggressioni, Gazzi : “finalmente attenzione verso violenza contro nostri colleghi”

Roma, 5 agosto 2016. “Registriamo con vivo favore l’interessamento da parte del Parlamento ad approfondire il tema delle aggressioni delle quali, con sempre maggiore frequenza, sono oggetto assistenti sociali nell’ esercizio della loro funzione. L’interrogazione al Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, da parte delle deputate Ileana Piazzoni e Sandra Zampa, illumina un problema che sta assumendo dimensioni preoccupanti. Ormai non si contano più, da nord come al sud, gli episodi di minacce – verbali e fisiche – intimidazioni, danneggiamenti, aggressioni e violenze che richiedono molto spesso l’intervento delle forze dell’ordine e della magistratura. Una situazione non più sostenibile che mi auguro l’Esecutivo voglia affrontare in modo deciso adottando tutti i necessari e opportuni provvedimenti”. Commenta così, Gianmario Gazzi, Presidente del Consiglio nazionale degli Assistenti sociali, l’iniziativa delle due parlamentari del Pd. “La situazione, e la sua quantificazione numerica, descritta nell’interrogazione ‐ conclude Gazzi ‐ fa davvero impressione se solo si pensa agli episodi di maggior violenza subiti dai colleghi con i due tentativi di sequestro di persona, a Prato e a Bologna, sventati dall’intervento delle forze dell’ordine, e il complesso degli oltre cinquanta casi di aggressioni che hanno fatto scaturire una serie di denunce”.