Home Primo Piano Celiachia, un virus intestinale tra le possibili cause

Celiachia, un virus intestinale tra le possibili cause

Celiachia, oramai nota come un’intolleranza permanente al glutine del sistema immunitario, sta diventando sempre di più oggetto di studio dei ricercatori. Secondo i ricercatori americani: ci sarebbe alla base della celiachia il reovirus, che era sempre stato considerato innocuo per la salute, ma ora apparirebbe collegato allo sviluppo della risposta immunitaria contro il glutine.

A sostenere l’origine virale della celiachia è lo studio realizzato dalle università di Chicago e di Pittsburgh, pubblicato recentemente su Science. Nella pubblicazione viene segnalato in particolare il gruppo dei reovirus come possibile responsabile della risposta immunitaria nei confronti del glutine che obbliga le persone a rinunciare a pane, pasta, agli alimenti a base di frumento, oltre che a segale, orzo e avena.

Il reovirus

Il reovirus è un patogeno che provoca l’immunità protettiva, i ricercatori hanno scoperto che può comunque interrompere l’omeostasi immunitaria intestinale nei siti induttivi e efficaci di tolleranza orale, sopprimendo la conversione della T cellula regolatoria periferica e promuovendo l’immunità TH1 all’antigene alimentare. L’iniziazione dell’immunità di TH1 all’antigene alimentare dipendeva dal fattore regolatore 1 interferone e dissociata dalla soppressione della conversione pTreg, mediata dall’interferone di tipo 1.

La ricerca in sintesi

 I reovirus sono virus normalmente innocui che si trovano anche all’interno dell’intestino dell’uomo.  Da alcune ricerche sperimentate sulle cavie, infettando alcuni topi con un particolare ceppo di reovirus, si è visto che a questo ne conseguiva una risposta autoimmune e alla perdita di tolleranza nei confronti del glutine.

Passando poi allo studio sui pazienti che soffrono di celiachia, i ricercatori hanno rilevato una quantità più elevata di anticorpi contro i reovirus rispetto alle persone sane. Inoltre i primi mostravano anche un’alta espressione di IRF1, una proteina che ha un ruolo centrale nell’insorgenza dell’intolleranza verso il glutine. L’ipotesi è che l’infezione da parte di un reovirus possa lasciare un’impronta permanente sul sistema immunitario della persona e in futuro portare alla celiachia. In questo modo sarebbero i bambini già geneticamente predisposti alla celiachia i più a rischio sviluppo della malattia in seguito all’infezione da parte di un reovirus.

PUBBLICITÀ
Condividi