Home Attualità Whatsapp, “In arrivo violento terremoto”. La bufala senza vergogna.

Whatsapp, “In arrivo violento terremoto”. La bufala senza vergogna.

WhatsApp-e-Facebook-verso-lunione-definitiva-con-unico-accesso

La stupidità umana non ha mai fine, questo è quanto ci verrebbe da dire e sottoscrive nel raccontarvi quanto di seguito. “Allora ragazzi, sono previste varie scosse di entità più o meno simili a questa che c’è stata adesso – quindi di magnitudo 6.0 – entro le ventiquattro ore, previste anche nelle Marche”. Questo è quanto, tramite l’app Whatsapp è stato diffuso mediante un messaggio vocale. Il tutto ha creato non pochi problemi oltre che un vero e proprio allarmismo, soprattutto in seguito alle circa 100 scosse di assestamento che sono state registrate nella notte tra le province delle Marche e dell’Umbria. Subito è, quindi, scattata la denuncia da parte delle forze dell’ordine che hanno prontamente fatto sapere che si trattava di una grande bufala. Infatti, gli uomini della Polizia di Stato tramite la pagina facebook di “una vita da socia” hanno subito tranquillizzato quanti avessero ricevuto il file audio invitando, tutti i riceventi a non inoltrare ulteriormente il messaggio ma bloccare la catena di paura. A parlare è un uomo, con molta probabilità anconetano così come spiegato dagli agenti nel post apparso sulla pagina facebook. L’uomo in questione consiglia a tutti gli utenti di tenersi pronti con una borsetta così come fatto da lui, perché “non si sa mai”.  Aggiunge, inoltre, di aver provveduto a spargere la voce, ma poi “ognuno farà come meglio crede”. Ad ogni modo, poi l’uomo ribadisce nuovamente il concetto: “Sono già state previste altre scosse più o meno della stessa entità”. Infine, il messaggio vocale si conclude con quanto di seguito: “Preparatevi. Spero che vada tutto bene e spero che tutti quanti stiate bene, per ora”. Da parte loro, le Autorità hanno dunque ribadito che si tratta di un audio fasullo e soprattutto infondato nato con il solo scopo di scaturire allarmismo e preoccupazione nei cittadini.