Home Sociale Riflessioni sull’immigrazione

Riflessioni sull’immigrazione

Una guerra,  un orrore infinito, una  tragedia che non si placa, storie,  esistenze, quelle dei migranti che continuano a morire nel Mediterraneo. Dal 2000 al 2014 sono morti in mare circa 24.000 persone, quel mare che unisce l’Africa all’Italia del sud e che pare essere il più pericoloso, quella rotta di cui sentiamo spesso parlare  tra Lampedusa  e l’Africa. Costante nel  loro tentativo di salvezza è lo sfruttamento  praticato dagli scafisti che  rendono  l’essere umano non un fine ma un mezzo. I trafficanti organizzano tutto come si deve, anche su facebook, diventando agenti di viaggio ,  ultima invenzione le “navi fantasma”,  affari da capogiro, immigrati abbandonati a poche miglia dall’arrivo, alla deriva  e in
attesa di soccorsi, tutto, per loro, è andato come previsto  sin dall’inizio. Gli  affari  messi a segno con dettagli che fanno tremare dalla paura e a Gallipoli, a Lampedusa così come a Corigliano Calabro  non è certo accettabile umanamente che  queste persone vengano abbandonate al loro destino.  Si tratta di vite, di  bambini che  fuggono dall’inferno e  dalla propria patria non perché vorrebbero ma perché costretti a farlo. Miseria,  paura , sgomento, chi è in grado di dirci come ci si sente?   Ma la preoccupazione più grande è l’emergenza, il controllo.  Pur non essendo rilevanti in tal senso, perché ogni persona decide di scappare dalla fame, dalla tortura, dalla persecuzione, si guardano e si osservano  le  percentuali e i  dati ufficiali che favoriscano la fortezza e l’allontanamento dal nostro paese  e allora non ha senso interrogarsi più su nulla, non ha senso nessuna delle storie d’immigrazione che abbiamo raccontato e approfondito sui libri di storia. Per quanto mi riguarda immagino la tempesta, la deriva, la mancanza di cibo, il panico, il pianto e di fronte a tutto questo,  in mezzo a delle isole greche, piuttosto che  italiane,  non c’è nessuna fortezza che regga, non c’è nessun controllo che  fermi  la salvezza ed il riscatto.

PUBBLICITÀ