Home Attualità Partner anaffettivo, quando chiudere una storia salva l’autostima

    Partner anaffettivo, quando chiudere una storia salva l’autostima

    Una relazione di coppia diventa sbilanciata quando il partner è una persona fredda e anaffettiva.  E’ la paura delle emozioni, intuite come meccanismo complesso a frenare ogni tipo di sentimento nel rapporto di coppia.

    L’uomo anaffettivo si difende, creando muri e distanze  tra sé e l’oggetto del piacere una lontananza che si traduce in freddezza in generale, una persona avara concentrata su se stessa e sui suoi bisogni. Le persone realmente anaffettive muoiono annaffettive, a nulla serve l’amore il prendersi cura, il donare le attenzioni.

    adv

    La vita della persona anaffettiva è strutturata in modo da limitare le interazioni con gli altri: ha pochi amici stretti o confidenti, sceglie  lavori che richiedono un contatto sociale minimo o nullo, non è coinvolto in relazioni intime e in genere non si costruisce una propria famiglia. Appare distaccato e freddo, estremamente riservato e indifferente all’approvazione o alle critiche degli altri e ai loro sentimenti.

    Come riconoscere il profilo di un uomo anaffettivo?

    L’anaffettivo concentra la sua vita sul lavoro, tende a classificare tutti le persone e il mondo, è una persona rigida e inflessibile, insinuosa e maliziosa tende a vedere del male in tutto anche in un sentimento genuino, come può essere l’attenzione del partner.  È un uomo fortemente inibito sul piano della vita emotiva di relazione, tanto da essere persino ostile. Le uniche relazioni che ammette sono quelle di aggressione (nel sesso) e di critica, è spesso ambivalente (si avventura e si ritira, desidera e rifiuta, fa l’amore ma è aggressivo, ama e odia) può indurre nella sua compagna gravi stati di confusione e un crollo ansioso e depressivo dell’autostima. L’anaffettivo tende a far pagare le sue rigidità emotive a qualcun altro.

    Come ci si può difendere dal circolo perverso del partner anaffettivo?

    Il vano  tentativo di farsi amare da un uomo incapace di amore profondo,  comporta una complessa autoconsapevolezza che incide notevolmente sull’autostima è fondamentale capire che:

    adv

    più passa il tempo, più è difficile ammettere l’errore, più è difficile lasciare, più si sta male, più si abbassa l’autostima, più si ha bisogno di rimanere con la persona sbagliata, più passa il tempo.

    A questo punto è meglio chiudere il rapporto, una persona incapace d’amare non amerà mai.