Home Attualità Conservare i cibi nell’alluminio è la scelta giusta? Ecco come non avere...

Conservare i cibi nell’alluminio è la scelta giusta? Ecco come non avere problemi

La maggior parte delle persone utilizza l’alluminio o la pellicola per conservare meglio i cibi in frigo o nel freezer. Ma avete mai pensato agli eventuali pericoli in cui potreste incorrere? Per capire se effettivamente i fogli di alluminio utilizzati in cucina possano essere dannosi per la salute bisogna rivolgersi alla scienza che sicuramente ci saprà dare le migliori risposte.

Ad esempio, una ricerca recente ha scoperto un possibile legame tra l’alluminio delle pellicole e quello delle formazioni trovate nel cervello di alcuni pazienti malati di Alzheimer. Come spiega il Dr. Jean Harry, tossicologo presso il National Institute of Environmental Health Sciences, l’alluminio ha delle proprietà neurotossiche ed è stato provato che questa sostanza ha un legame diretto con le malattie neurodegenerative.

Inoltre, degli alti livelli di alluminio nel corpo alterano la mineralizzazione delle ossa, la funzione delle paratiroidi e delle cellule delle ossa. Infatti, uno dei segni più comuni legati all’accumulo eccessivo di alluminio è l’ipercalcemia, oppure dei livelli alti di calcio nel sangue.

Questo accade perché la presenza di alluminio impedisce il deposito di calcio nelle ossa, determinando valori molto alti del calcio nel sangue. Come risultato, la secrezione di PTH, secreto dall’ormone paratiroideo, è notevolmente basso. Inoltre, la tossicità cronica dell’alluminio riduce notevolmente gli osteoblasti inibendo la mineralizzazione dell’osso, portando allo sviluppo dell’osteoporosi.

Quanto alla possibilità che l’alluminio possa essere una sostanza cancerogena, secondo i maggiori esperti non c’è ragione di preoccuparsi.

In ogni caso, l’alluminio è una delle sostanze più utilizzate in cucina per via della sua leggerezza e praticità. Allora dovremmo evitarlo per non incorrere in dei pericoli per la nostra salute? Non è necessario arrivare a tanto, purché vengano rispettate le norme basilari per la conservazione del cibo.

I fogli e le vaschette di alluminio, ad esempio, non vanno bene per conservare i cibi acidi o salati, mentre sono perfetti per quelli dolci. Se il metallo, infatti, si trasferisce nel cibo, l’alluminio diventa tossico per il nostro sistema nervoso. L’eccesso di sale e l’acidità sono dei buoni conduttori del metallo, tanto da trasferirlo all’interno del cibo, provocando dei danni al nostro organismo.

I fogli di alluminio, quindi, sono ottimi per conservare le qualità nutrizionali degli alimenti, oltre ad essere una barriera contro aria, luce, batteri e umidità. Si possono utilizzare per la congelazione, la cottura e per la conservazione degli alimenti. Questi fogli non sono dannosi per la nostra salute, ma non possono essere utilizzati per conservare tutti gli alimenti. Ecco quelli da evitare:

 

  • limoni e arance;
  • pomodori;
  • ciliegie;
  • cipolle;
  • capperi e acciughe (e gli altri alimenti ad alta concentrazione di sale);
  • pesce

I fogli di alluminio, comunque, offrono anche numerosi vantaggi:

  • potete utilizzarli per conservare la freschezza e la fragranza dei panini;
  • potete foderarci la pirofila o la teglia del forno per evitare di pulirle successivamente;
  • potete cuocere i cibi al cartoccio con questi fogli, evitando di disperdere aromi e sapori;possono essere utilizzati per cuocere al cartoccio, cottura ideale per evitare la dispersione di sapori e aromi; questo tipo di cottura non necessita di grandi quantitativi di grassi e sale.

Vediamo più nel dettaglio alcuni vantaggi della conservazione dei cibi con l’alluminio.

  • A causa della sua grande impermeabilità al vapore acqueo e all’acqua, i fogli di alluminio contribuiscono a conservare gli alimenti per periodi di tempo prolungati.
  • A causa della sua ottima capacità di agire come barriera contro il calore e luce, l’alluminio è molto usato per la conservazione degli alimenti. Infatti, il calore è una delle principali cause del decadimento del cibo. Questa è una delle proprietà più importanti che rende l’alluminio l’elemento preferito per la conservazione dei cibi.
  • Un altro vantaggio è il fatto che è molto semplice da utilizzare: tutto quello che dovete fare è avvolgere il cibo con la pellicola e assicurarvi che l’involucro non prema troppo il cibo confezionato all’interno.
  • Non è solo il calore ad essere responsabile del deterioramento della qualità del cibo. I faogli di alluminio impediscono agli alimenti di entrare in contatto con i batteri e i germi.

Dopo aver considerato tutti i pro e i contro dell’utilizzo dell’alluminio per la conservazione dei cibi, possiamo trarre la conclusione che la scelta non deve essere drastica: se l’uso dell’alluminio in cucina non è eccessiva, sicuramente non ci saranno danni alla nostra salute. Invece, se non vengono seguite le norme base per la conservazione, oppure se si abusa di questo materiale, presente anche negli strumenti da cucina come le pentole, potremmo mettere a rischio il nostro organismo, in quanto si tratta di una sostanza tossica. Quindi, è buona norma non lasciare per troppo tempo l’alluminio a contatto con gli alimenti e, soprattutto, non imballare i cibi sconsigliati, cioè la frutta e la verdura, gli alimenti parecchio salati o quelli freschi come il pesce o la carne.