Home Attualità Campania: Acciarioli la città della longevità da Ancel Keys a Delia Morelli

Campania: Acciarioli la città della longevità da Ancel Keys a Delia Morelli

Campania –  “Come vivere fino a cent’anni: il paese dei centenari rivela i suoi segreti”. Cosi’ il titolo di un lungo articolo che apre il sito della Cnn, dedicato ad Acciaroli, paese in provincia di Salerno, in cui si fa l’elogio della dieta mediterranea, ma anche del pacifico carattere degli abitanti della cittadina. Ad Acciaroli viveva anche il nutrizionista americano Ancel Keys, inventore del celebri ‘razioni K’ dei soldati americani durante la sonda guerra mondiale, morto nel 2004 alla veneranda eta’ di 100 anni. Delia Morelli, 79 anni, e’ stata la sua cuoca per molti anni e ora ha un ristorante specializzato in dieta mediterranea. “Quando lavoravo per Keys non abbiamo mai comprato carne e in questo ristorante la carne non esiste”, ha raccontato alla Cnn. Ma sono anche altri i segreti della longevita’ ad Acciaroli, dove un abitante di dieci, dice il sindaco Stefano Pisani, ha superato i 100 anni di eta’. Giuseppe, 94 anni, che fino a pochi anni fa fumava due pacchetti di sigarette al giorno, ha ad esempio detto: “mangia male e lavora tanto”. E poi, ha aggiunto con un sorriso, “le donne”. Sei anni fa e’ diventato vedovo, ma poi – racconta la Cnn – si e’ preso “una donnina”, perche’ “e’ indispensabile”, ti rende “allegro e felice”. La Cnn cita anche un suo vicino secondo cui Giuseppe ha cambiato diverse badanti a causa di ‘avances’ non richieste. E poi c’ il caso di Antonio, 100 anni, e Amina, 93. Lei ancora scrive poesie d’amore per lui e nella foto dell’articolo sono ritratti teneramente abbracciati. La longevita’ ad Acciaroli e dintorni, ricorda la Cnn, e’ materia di studio per l’Universita’ la Sapienza di Roma e per l’Universita’ della California di San Diego. I ricercatori stanno esaminando circa 300 centenari locali per cercare di capire come mai la gente qui viva cosi’ a lungo ed abbia cosi’ bassi tassi di problemi di cuore e di Alzheimer.