Commissine europea accolta la denuncia dei magistrati sugli adeguamenti dei trattamenti previdenziali

giudice-di-pace

La FEDER.M.O.T. (Federazione magistrati onorari di tribunale) esprime piena soddisfazione per la decisione della Commissione europea di dare seguito alla denuncia presentata contro lo Stato italiano relativamente al trattamento riservato ai magistrati onorari in servizio presso i tribunali ordinari e le procure della Repubblica.
In sede di prima valutazione sono state infatti ritenute fondate le lamentele presentate da diversi magistrati onorari italiani, volte a sollecitare l’adeguamento dell’Italia al Diritto dell’Unione europea, riconoscendo ai magistrati suddetti il diritto a un inquadramento a tempo indeterminato e al conseguimento di altri diritti (ad esempio alle ferie proporzionate al lavoro svolto).Sprovvisti di qualsiasi trattamento previdenziale o assicurativo, oggi i magistrati onorari sono confermati di anno in anno e relegati in una condizione di gravissima discriminazione rispetto al restante personale magistratuale. Il provvedimento allegato getta finalmente un barlume di luce su una triste vicenda nella quale lo Stato italiano tratta i suddetti magistrati come lavoratori in nero, negando loro quei diritti che essi ogni giorno devono garantire ai cittadini attraverso le proprie sentenze.