Home Cronaca Colombia, cade aereo: 76 morti, 5 salvi. A bordo i calciatori del...

Colombia, cade aereo: 76 morti, 5 salvi. A bordo i calciatori del Chapecoense

COLOMBIA – Si è schiantato nella tarda serata di lunedì un aereo con a bordo un’ottantina di passeggeri tra cui, i giocatori della squadra di calcio brasiliana. Il tutto si è verificato vicino alla città di Medellin, in Colombia. Altissimo il bilancio che, al momento parlerebbe di ben 76 morti e cinque sopravvissuti. Le prime indiscrezione parlerebbero di un guasto elettrico all’impianto del aereo, mentre c’è chi ipotizza che il mezzo sia rimasto senza carburante. La squadra di calcio presente era diretta a Medellin per disputare la gara di Copa Sudamericana contro l’Atletico Nacional. «E’ una tragedia di vaste proporzioni – ha affermato il sindaco di Medellin, Federico Gutierrez.

L’aereo, un British Aerospace 146 gestito dalla compagnia charter boliviana Lamia è caduto in una zona montagnosa alle porte di Medellin poco prima della mezzanotte di lunedì. Il velivolo – prosegue il sindaco era partito dall’aeroporto internazionale di San Paolo, in Brasile e aveva fatto scalo in Bolivia». A bordo dell’aereo viaggiavano, oltre ai 22 calciatori della Chapecoense, 28 persone fra dirigenti, membri del corpo tecnico e invitati speciali della squadra brasiliana, nonché 22 giornalisti e nove membri dell’equipaggio così come riferito l’ente colombiano dell’aviazione civile, Aerocivil. A salvarsi è stato uno dei difensori della Chapocoense. Come scrive As Colombia si tratta di Alan Ruschel, 27 anni, uno dei terzini della squadra, ricoverato in ospedale. Sopravvissuti anche i portieri Marcos Danilo Padilha e Jakson Ragnar Follmann. La squadra di calcio brasiliana Chapecoense avrebbe dovuto giocare mercoledì la finale della Copa Sudamericana. Tra i superstiti c’è anche Rafael Henzel, reporter brasiliano. Nel frattempo, il presidente del Brasile Michel Temer ha decretato tre giorni di lutto. Il capo di Stato ha espresso solidarietà alle famiglie delle vittime e informato di aver chiesto al ministero degli Esteri e ai vertici dell’Aeronautica di seguire da vicino tutto il caso e capire cosa abbia portato allo schianto.

PUBBLICITÀ