Home Cronaca Mercatone Uno, 10.500 clienti senza cucine e arredamenti per un valore di...

Mercatone Uno, 10.500 clienti senza cucine e arredamenti per un valore di 4,5 milioni

Questa è la comunicazione ufficiale del curatore fallimentare

Per diversi clienti dell’ex Mercatone Uno è arrivata una doccia fredda, ossia circa 10.000 clienti che hanno speso intorno ai 4, 5 milioni di euro in cucine è arredamenti non avranno né un rimborso né la merce richiesta. Questa è la comunicazione dell’avvocato Marco Angelo Russo, curatore fallimentare per la Shernon Holding srl, società che controllava l’ex Mercatone Uno fino al maggio scorso.

Il curatore poi spiega: “La crisi patrimoniale, economica e finanziaria che ha colpito la Shernon non ha consentito alla società poi fallita di approvvigionarsi regolarmente della merce necessaria per evadere gli ordini via via ricevuti sicché, sulla scorta delle risultanze inventariali, è risultato impossibile darvi seguito”.

La merce ancora custodita nei punti vendita verrà venduta il 19 dicembre in due lotti: il primo da 2,2 milioni di euro, il secondo da 1,395 milioni. Intanto sono arrivate 14 offerte per quel che resta della catena di negozi, ma nessuna riguardante tutti i 55 negozi e i 1400 dipendenti. Per tale ragione, la cassa integrazione straordinaria è stata prorogata fino al prossimo maggio.

Per i clienti ormai senza merce, l’unica speranza per rivalersi è insinuarsi nel passivo societario, ma con la possibilità di bassa soddisfazione per l’eventuale rimborso, trattandosi di crediti chirografari.
Dopo il Mercatone, poi, anche la Holding era fallita, in seguito all’accusa di bancarotta fraudolenta per il suo amministratore delegato Valdero Rigoni. Non a caso, tre mesi prima del crac era stata inoltrata la richiesta di concordato preventivo, poi respinta per le seguenti ragioni: 90 milioni di euro di debiti in nove mesi; assenza di credito bancario; assenza di fiducia da parte dei fornitori.