Home Economia & Lavoro Manovra 2019: Tagli alle Pensioni d’oro, Reddito di Cittadinanza, aumento Iva e...

Manovra 2019: Tagli alle Pensioni d’oro, Reddito di Cittadinanza, aumento Iva e Web Tax

ROMA – Con la commissione convocata alle 15 e l’aula alle 17 sembra ormai inevitabile che la manovra approdi davanti all’assemblea del Senato senza mandato al relatore.

I tempi sono strettissimi, con la maggioranza costretta al tour de force per approvare la legge di bilancio a Palazzo Madama nel fine settimana per poi chiuderla definitivamente alla Camera dopo Natale.

PUBBLICITÀ

Dopo le comunicazioni di ieri del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e il parere di Bruxelles che non aprirà la procedura di infrazione nei confronti dell’Italia, ieri sera il governo ha depositato in commissione la lettera inviata alle autorità europee e gli emendamenti che recepiscono l’intesa sulla manovra. E’ probabile a questo punto che il maxiemendamento con tutte le misure della manovra non arrivi prima di domani.

Il deficit è stato rivisto al ribasso ulteriormente e nel 2019, come emerge dalle tabelle, si attesterà al 2% anzichè al 2,04%. Nel 2020 l’indebitamento sara’ all’1,8% del pil e nel 2021 all’1,5%.

Queste le misure principali contenute nel pacchetto del governo arrivato in serata al Senato.

#AUMENTI IVA:

Clausole di salvaguardia che prevedono un rincaro di 23,1 miliardi nel 2020 e di 28,8 miliardi nel 2021. Effetto anche sulle accise che salgono di 400 milioni l’anno dal 2020. Le clausole che Lega e M5s avevano ereditato dal Pd valevano invece 19,2 nel 2020 e 19,6 nel 2021.

#REDDITO CITTADINANZA E QUOTA 100:

Nel 2019 il fondo cala da 15,7 a 11 miliardi. Le risorse per il reddito di cittadinanza passano da 9 a 7,1 miliardi mentre Quota 100 cala da 6,7 miliardi a 3,9 miliardi. Nel 2020 il reddito scende da 9 a 8 miliardi e 8,3 miliardi a partire dal 2021. Quota 100 aumenta invece dal secondo anno: da 7 miliardi a 8,3 nel 2020, 8,6 miliardi nel 2021 e 8,1 miliardi nel 2022.


#TAGLIO PENSIONI D’ORO SOPRA 100 MILA EURO:

Tra i 100 mila e i 130 mila l’aliquota è stata fissata al 15%; al 25% per la fascia 130-200 mila; 30% tra 200 mila e 350 mila. Del 35% fino a 550 mila e oltre al 40%.

#STRETTA RIVALUTAZIONE PENSIONI:

Saranno rivalutate al 100% fino a 1.522 euro (ossia 3 volte l’assegno minimo) mentre per gli importi superiori l’indicizzazione delle pensioni verrà ridotta fino al 40% sopra nove volte il minimo.

#DISMISSIONI:

Entro aprile arriverà il nuovo programma di dismissioni immobiliari che punta a raccogliere almeno 950 milioni aggiuntivi nel 2019. Tra i beni saranno valorizzate anche le caserme in disuso.

#WEB TAX:

Arriva l’imposta sui servizi digitali che si applica ai soggetti che hanno ricavi non inferiori a 750 milioni di euro e prevede un’aliquota del 3%.

A cura di Agenzia dire