Home Scienza e Tech Le nuove tecnologie tra giochi e lavoro. L’evoluzione della Realtà Virtuale e...

Le nuove tecnologie tra giochi e lavoro. L’evoluzione della Realtà Virtuale e Aumentata.

Realtà aumentata e realtà aumentata differenze.

L’evoluzione digitale non conosce confini, connessioni sempre più veloci, supportate da hardware performanti stanno diventando una costante della nostra vita. Difficile oggi fare a meno dello smartphone, ancor più sarebbe difficile rinunciare ai Social network. Insomma, la tecnologia informatizzata è ufficialmente entrata a far parte del nostro quotidiano, e, dati alla mano, difficilmente ne uscirà.

L’esplosione tecnologica si è avuta sostanzialmente negli ultimi 5 anni, quando, il solo internet non bastava più. Era necessario sviluppare delle nuove tecnologie che potessero trovare applicazione in un più largo campo della vita quotidiana. Il solo chattare, navigare, postare fotografia sui social, effettivamente sarebbe stato uno spreco, bisognava pertanto passare allo stadio successivo, applicare il concetto stesso di internet ad una più ampia veduta. Nascono così, la Realtà Virtuale (VR) e la Realtà Aumentata (AR).

Realtà Virtuale, dove viene utilizzata?

Si tratta di due tecnologie simili, ma concettualmente differenti. La Realtà virtuale, come lo stesso nome lascia intendere, è una tecnologia che consente attraverso un supporto esterno (Visore VR) di immergersi in un mondo virtuale. Il potente hardware che la gestisce crea una realtà virtuale immersiva, alternativa a quella che conosciamo. Il visore isola l’utente (sostituisce la vista), creando digitalmente un mondo “artificiale”, nel quale tuttavia è possibile interagire sia “fisicamente” che emotivamente con quanto osservano i nostri occhi. La Realtà Virtuale oggi è utilizzata soprattutto nel mondo dei videogiochi e dei casinò online. E’ possibile infatti vivere una esperienza su montagne russe virtuali (e fidatevi la sensazione paura è la stessa), immergersi in un gioco horror (solo per i cuori forti), o per gli appassionati di gaming online è anche possibile giocare ad una delle roulette 3D, dove in pratica si ha la sensazione di trovarsi seduti al tavolo. Perché andare al casinò quando puoi giocarci virtualmente comodamente seduto sul divano?

Realtà aumentata, quando risulta utile?

Seppure in comune hanno il concetto stesso dell’alterazione della realtà, il funzionamento della Realtà Aumentata è molto differente dalla realtà virtuale. La prima sostanziale differenza è l’hardware che ne permette il funzionamento. Mentre per la VR si è costretti ad indossare un visore che ci isola totalmente dal mondo circostante, la realtà aumentata può essere utilizzata con dei semplici occhiali (tech ovviamente), smartphone di ultima generazione o Pc nemmeno tanto costosi. L’Utilizzo della AR, risulta essenzialmente molto più duttile e versatile. Viene infatti utilizzata maggiormente nel settore lavorativo, aziendale, home-mode o informativo. Il suo scopo è quello di proporre dispositivi capaci di aumentare o semplicemente arricchire informativamente il mondo che ci circonda. Un esempio? E sufficiente inquadrare con lo smartphone un opera d’arte per ricevere sullo schermo tutte le informazioni sulla stessa. Ancora, vuoi acquistare un nuovo divano, ma prima vorresti sapere se starebbe bene nella stanza? Nulla di più semplice, tanti negozi offrono l’arredamento in modalità “aumentata”. Scarica l’app dedicata, seleziona il divano che vuoi acquistare, posiziona lo smartphone nel punto che desideri, e con un semplice clik il divano “virtuale” farà parte del tuo arredamento reale. Ora puoi decidere se acquistarlo o meno. Sei all’estero e non riesci a tradurre un cartello stradale? Anche in questo caso la realtà aumentata ti aiuta, inquadra il cartello con il tuo smartphone, e grazie all’applicazione dedicata potrai tradurlo in tempo reale. Insomma, la Realtà Aumentata può essere utilizzata in qualisiasi maniera produttiva, solo l’immaginazione sarà il vostro ostacolo.

Entrambe le tecnologie sono in pieno e costante sviluppo, si stima che nei prossimi 5 anni ogni famiglia possiederà almeno un hardware capace di riprodurre la realtà virtuale, grazie anche alla diffusione di consolle da gioco a costi contenuti. Mentre per quanto riguarda la Realtà Aumentata, ormai la diffusione è a pieno regime. Google, Microsoft, Facebook, Apple, Samsung, così come altre grandi aziende, hanno definitvamente abbracciato il progetto. Nei prossimi mesi, grazie anche all’enorme diffusione di smartphone di fascia alta a prezzi contenuti, sarà possibile utilizzare la AR su praticamente ogni dispositivo.