Home Cronaca Isochimica,la strage continua,ennesima vittima.

Isochimica,la strage continua,ennesima vittima.

Isochimica Avellino -La tragedia silenziosa continua inesorabile,l’Isochimica annovera l’ennesima vittima,Carmine Iacobelli Salernitano di 56 anni nella notte è venuto a mancare per le stesse cause delle altre 17  vittime suoi colleghi.Carmine era stato operaio della fabbrica dei veleni di Borgo Ferrovia per ben 8 anni,e come i suoi colleghi era in attesa del prepensionamento.Iacobelli era ricoverato all’ospedale San Leonardo di Salerno quando  è deceduto,aveva avvertito i primi malori a fine ottobre,con forti dolori e continui affaticamenti dovuti con ogni probabilità alle polveri sottili legate all’amianto della fabbrica.Una tragedia infinita che si sta ripetendo con una frequenza che inizia ad assumere contorni disastrosi. Le vittime della ex Isochimica con Carmine salgono a 18 Solo,è il terzo decesso in un mese,dopo le due vittime di Capodanno,gli Avellinesi Antonio Graziano e Antonio Solomita.

[quote font=”0″]Quindici operai morti, almeno 150 malati e un intero quartiere a rischio avvelenamento. È il tragico bilancio portato alla luce dall’inchiesta sull’Isochimica, l’azienda di Avellino dove negli anni ’80 i lavoratori erano assunti per rimuovere a mani nude la fibra killer dai treni. Perché oltre allo scandalo Eternit in Italia ci sono ancora centinaia di siti da bonificare e migliaia di persone che rischiano di essere contaminate  repubblica.it[/quote]

PUBBLICITÀ

La fabbrica della morte chiusa da oltre 30 anni continua a mietere vittime,morti,ammalati gravi, una strage silenziosa che prende sempre di piu la piega del disastro..

[quote font=”0″]Si lavorava a mani nude, senza mascherine, inconsapevoli dei pericoli. Almeno 20mila tonnellate di amianto sarebbero state sotterrate nel piazzale della fabbrica, altre scorie sono state chiuse in cubi di cemento oppure sistemate in sacchi neri e sversate nelle acque del fiume Sabato o addirittura nel mare della costiera amalfitana. L’hanno rivelato gli ex operai ai magistrati. repubblica.it[/quote]

Gli ex operai sono consapevoli che l’amianto oramai è inesorabilmente entrato nei loro polmoni,si sentono dei morti che camminano «Non possiamo fare altro che stringerci alle loro famiglie e rispettare il loro dolore. È una tragedia infinita è purtroppo continuerà lentamente per molti anni ancora»

I morti accertati sono oltre 18 con Carmine,ma altri sono deceduti nel silenzio,una situazione gravissima,la speranza che gli  ultimi tre decessi possano essere veramente gli “ultimi” e che la giustizia restituisca al resto degli operai e alle loro famiglie quantomeno una vittoria morale.

.