Home Scienza e Tech Clash of Clans batte tutti i record. venduto alla Tencent per 8,6...

Clash of Clans batte tutti i record. venduto alla Tencent per 8,6 miliardi di dollari

Non chiamateli più giochini, passatempi o semplice svago, potrebbero “offendersi”, ma chiamateli con il loro vero nome, Miniere d’oro! Esatto, da quando si è avuto il boom degli smartphone è immediatamente esplosa la mania delle applicazioni e di giochi per cellulari. Apple store, Play store, Windows store, ad oggi contengono milioni di applicazioni, alcune utili altre meno, ma tutte hanno in comune un solo scopo, cercare di emergere in un mondo decisamente appetibile e provare a portare a casa parte dell’immensa torta economica. Sono tante le start up o semplici giovani programmatori che sono emersi e diventati ricchi grazie ad una “geniale” applicazione, per citarne solo due, Rovio Mobile, che grazie al suo Angry Birds, fattura 150 milioni di dollari all’anno, e Candy Crush, un semplice puzzle, venduto lo scorso anno per 6 miliardi di euro!

Chi pensa che giochini e app per smartphone siano una faccenda da ragazzini sbaglia e sbaglia di grosso. Dietro caramelle che scoppiano, gattini da salvare e piccoli vichinghi nani da far combattere gira un fiume di denaro. Miliardi e miliardi di euro, o di dollari, da far invidia ai bilanci di molti stati. Per capire l’importanza economica di un settore, quello dei giochi e delle app, che non sembra accusare una qualsiasi battuta d’arresto basta guardare al passaggio di mano di Clash of Clans, uno dei giochi per smartphone più amato di sempre.

Clash of Clans e il vortice di denaro

Il gioco, nato prima di tutto per iPhone e poi sbarcato anche su Android, è stato acquistato dalla cinese Tencent per 8,6 miliardi di dollari. Ad incassare l’assegno stellare la banca giapponese SoftBank detentrice della maggioranza del pacchetto azionario della Supercell, l’ex startup finlandese creatrice di Clash of Clans. La banca in un solo colpo si è liberata di un investimento considerato a lungo termine e quindi in qualche modo rischioso e ottenuto un profitto di non poco conto

Tencent, la società mangia game

Proprietaria di WeChat, la società cinese ha già fagocitato i produttori di videogame di successo come Epic Games, Glu Mobile e Riot Games. Ora, dopo l’acquisto di Clash of Clans, la Tencent si candida ad essere la vera regina del settore.

agenzia dire – dire.it

 

IN BREVE

Clash of Clans è un videogioco sviluppato dall’azienda finlandese Supercell, dal 2 agosto 2012 solo per dispositivi iOS, e dal 7 ottobre 2013 anche per dispositivi Android. Disponibile a livello internazionale su iTunes Store inizialmente a pagamento e poi gratuito dalla versione 1.7, e successivamente anche su Play Store e su App Store. La sua versione attuale è la 8.6.7.

Modalità di gioco

Il gioco consiste nello sviluppare un villaggio, con l’obiettivo di raggiungere il più alto numero di trofei possibile, il livello più alto e di arrivare sulla vetta della classifica mondiale o del proprio paese, attaccando i villaggi degli altri giocatori con il proprio esercito, accumulando risorse e sviluppando difese per proteggersi.

I giocatori normalmente si riuniscono in Clan, gruppi di utenti (massimo 50) che collaborano con una gerarchia interna (Capo, Co-Capi, Anziani, Reclute).

Nel gioco sono presenti vari edifici: aumentando di livello il Municipio (l’edificio base) si sbloccano nuovi edifici e nuovi livelli. Ogni miglioramento di edificio ne aumenta i punti salute, il danno (nel caso di edifici difensivi), la capacità o la velocità di estrazione (nel caso di edifici di produzione risorse), similmente per i miglioramenti delle truppe dell’esercito. Ogni miglioramento ha un costo in risorse e in tempo. Il giocatore ha la possibilità di posizionare gli edifici nel punto che preferisce del villaggio e di modificarne la disposizione a piacimento.

Risorse

Il gioco prevede l’utilizzo di quattro risorse:

  • Oro: prima risorsa primaria del gioco, serve a costruire e migliorare tutti gli edifici difensivi e le trappole, Il Municipio e il Castello del Clan; si ottiene dalle miniere o rubandolo agli avversari;
  • Elisir: seconda risorsa primaria del gioco, serve a costruire e migliorare alcuni edifici, produrre e migliorare le truppe, gli incantesimi, il Gran Sorvegliante e ricaricare gli Archi-X; si ottiene dagli estrattori o rubandolo agli avversari;
  • Elisir nero: risorsa secondaria del gioco, sbloccata una volta fondato il deposito di elisir nero (municipio livello 7), ma anche aver migliorato il municipio. (2500 elisir nero) serve a costruire e migliorare Re Barbaro e Regina degli Arcieri, produrre e migliorare le truppe nere e gli incantesimi oscuri, ricaricare le torri infernali; si ottiene dalle trivelle o rubandolo agli avversari;
  • Gemme: risorsa bonus del gioco, servono per costruire le capanne del costruttore, ma soprattutto per terminare istantaneamente qualsiasi produzione o miglioramento, o velocizzare la produzione di truppe o incantesimi; si ottengono abbattendo gli ostacoli, superando degli obiettivi oppure acquistandole tramite microtransazioni.