VIrus Zika spaventa il Brasile, Governo stanzia fondi per vaccino, a rischio...

VIrus Zika spaventa il Brasile, Governo stanzia fondi per vaccino, a rischio donne in gravidanza

In Brasile è di nuovo allarme virus da zanzare killer, si chiama Zika, ricorda molto malattie simili come la malaria  sia nella struttura che nel modo di trasmissione: si manifesta esattamente come quest’ultima, con febbre altissima ed il contagio avviene tramite la puntura della zanzara  Aedes aegypti. I ricercatori hanno scoperto come il virus Zika per quanto sia tremendo non preoccupa tanto per il rischio di mortalità a seguito di puntura, piuttosto si sono rivelate gravissime conseguenze nel caso di donne incinte e dunque dei futuri bimbi. Nello specifico si verificano gravi ripercussioni fisiche per i neonati. Scopriamone di più e se è il caso di allarmarsi anche in Europa.

Al momento in Brasile si contano oltre 3500 casi sospetti di microcefalia nei neonati, con molta probabilità fanno sapere i ricercatori, le mamme sono state contagiate dal virus Zika nel corso dei 9 mesi di gravidanza.

Il Governo Brasiliano stanzia fondi per trovare un vaccino

Il governo brasiliano ha deciso di correre ai ripari e ha stanziato fondi per la ricerca di un vaccino contro il tremendo virus Zika, pericoloso soprattutto i feti. Per il ministro della Salute Marcelo Castro bisogna agire nel minor tempo possibile, perché Zika si diffonde attraverso le zanzare tigre e sta diventando un’emergenza molto seria, soprattutto per le donne in gravidanza.

 

Cos’è la microcefalia?

La microcefalia è una malformazione neurologica nella quale la circonferenza del cranio è notevolmente più piccola della media per età e sesso.La microcefalia può essere congenita o può svilupparsi nei primi anni di vita. La malformazione cranica può essere causata da varie condizioni che causano una crescita anormale del cervello o da sindromi associate ad anomalie cromosomiche ad esempio la Sindrome di Cri-du-chat causata da una delezione di una porzione variabile (5-40 Mb) del braccio corto del cromosoma 5.

Tra i Sintomi principali troviamo

• Una dimensione della testa significativamente inferiore a quella di altri bambini della stessa età e sesso
• Circonferenza della testa anomala. Con l’tilizzo dei grafici di crescita standard, la misura viene confrontata con le misurazioni di altri bambini. Nei bambini affetti da microcefalia, la dimensione della testa è significativamente inferiore alla media.
• Un bambino con grave microcefalia può anche avere la fronte inclinata all’indietro.
È probabile che il medico sia in grado di rilevare la microcefalia alla nascita del bambino o in una normale visita di controllo.

Questa problematica può svilupparsi all’interno dell’utero e può dipendere sia da anomalie genetiche che da infezioni virali o da esposizioni a particolari sostanze. Gli scienziati brasiliani ritengono che il virus Zika possa essere la causa del crescere dei casi della malattia: nel 2015 sono stati 2.782 i casi registrati rispetto ai 147 casi del 2014 e i 167 del 2013. Il microrganismo è stato trovato dapprima nelle scimmie della foresta di Zika e a causa delle zanzare appartenenti al genere Aedes sarebbe poi arrivato all’uomo. Di per sé la febbre causata dal virus non sarebbe eccessivamente pericolosa: i diversi casi registrati in Africa non hanno destato preoccupazioni nel corso della loro manifestazione. Febbre lieve, eruzioni cutanee, congiuntivite e dolore alla testa ed alle articolazioni i sintomi principali. Nel 25% dei casi l’infezione si è addirittura rivelata asintomatici.

 

Rischi per l’Europa?

In linea di massima i rischi di contagio nel nostro continente sono decisamente bassi, irrilevanti soprattutto nel periodo Invernale, lo stesso il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) gli scorsi mesi ha rilasciato una documentazione sulla bassa probabilità della diffusione di tali virus nel vecchio continente.