Home Cinema e Tv Torna “il boss delle cerimonie” su Real Time ma cambia nome

Torna “il boss delle cerimonie” su Real Time ma cambia nome

Dopo la morte del “boss” Antonio Polese, il programma si chiamerà “Il castello delle cerimonie”

Condividi

Questa sera alle 22.40 partirà su Real Time “Il castello delle cerimonie”, nuovo nome per il celebre docureality “Il boss delle cerimonie”, dopo la dipartita di Antonio Polese, gestore del complesso ricettivo “La Sonrisa”, set della trasmissione.

Il piatto forte del format saranno come sempre le cerimonie di ogni genere come matrimoni, battesimi, Prime Comunioni, compleanni, feste di 18 anni e tante altre, svolte in maniera decisamente appariscente.

PUBBLICITÀ

In questa nuova serie, per forza di cose, diverse saranno le novità. Infatti a tenere le redini della struttura sarà la primogenita Imma Polese, insieme al suo fidato marito Matteo Giordano, già da anni braccio destro del “boss”. Per la donna non sarà semplice ereditare la tradizione paterna, caratterizzata da generosità e ospitalità. Durante questa gestione comune, non mancheranno – come trapela da alcune indiscrezioni – screzi e incomprensioni all’interno della coppia, che potrebbero portare i due ad essere considerati dei “novelli Sandra e Raimondo”. A loro due si aggiungerà il figlio Antonio ad aiutare i genitori nel portare avanti l’attività.

Altra novità di questo ciclo è anche una finestra al programma su Dplay, il sito che consente vedere tutti i programmi targati Discovery, tra cui quelli di Real Time. Su tale portale, infatti, verranno pubblicate ogni venerdì “Le ricette della signora Rita”: l’amata moglie del “boss” preparerà un piatto della tradizione campana, sviscerandone i suoi segreti. La pietanza preparata dalla signora poi, verrà degustata da un membro della famiglia Polese. A questo punto non resta altro che capire se tutti questi stravolgimenti, dovuti al decesso del capostipite all’interno della famiglia Polese, saranno graditi dal pubblico oppure non piaceranno, portando eventualmente a un calo di ascolti.