Home Scienza e Tech Speechless l’App che trasforma le note vocali di WhatsApp in testo

Speechless l’App che trasforma le note vocali di WhatsApp in testo

WhatsApp, il più grande social network di messaggistica, con oltre 1 miliardo di utenti, negli ultimi tempi ha perso la sua caratteristica principale, “scrivere messaggi”, sostituita dal più rapido messaggio vocale. Le ultime statistiche rilasciate dal colosso americano parlano chiaro, degli oltre 50 miliardi di messaggi scambiati ogni giorno, il 25% sono note vocali, una percentuale in continua crescita.

I maggiori utilizzatori di questa funzione sono i giovanissimi (85%) ed i professionisti (65%), i primi, chiaramente per riuscire ad interagire rapidamente con più amici o gruppi, i secondi per ottimizzare i tempi, magari durante la pausa pranzo, o mentre si è in automobile.

In effetti la funzione vocale di WhatsApp può risultare davvero comoda, ma allo stesso tempo decisamente fuori luogo. Quante volte vi sarà capitato di essere costretti ad ascoltare i messaggi di altre persone? Magari in un museo, in un luogo pubblico o nei posti più impensabili del mondo? Ecco, questa è la nota stonata, utilizzatori incuranti del rispetto degli altri, che allegramente conversano e ascoltano messaggi vocali ad alto volume dove non si dovrebbe.

Per risolvere questo fastidioso problema, è nata Speechless, una app italiana sia per Android che per iOS, capace di trasformare i messaggi vocali di WhatsApp in testi scritti, una maniera decisamente intelligente per ri-educare le persone.

L’applicazione, rilasciata da poco funziona in maniera molto semplice andandosi ad integrare nel menu di condivisione del telefono, quando arriva un messaggio vocale sarà possibile selezionare l’apposito pulsante e dopo il successivo riconoscimento vocale sarà trasformato in testo scritto. Come è intuibile l’applicazione non funziona solo con WhatsApp ma con tutti i file audio.

Speechless, ha tuttavia delle limitazioni strutturali, non può funzionare senza connessione dati, le note vocali passano attraverso un servizio cloud, quindi chi vuole proteggere la propria privacy potrebbe avere dei tentennamenti. Tuttavia sono migliaia le app che funzionano allo stesso modo, ma omettono il “piccolo dettaglio” di farcelo sapere, in questo caso la trasparenza è decisamente notevole. La versione base, con la trascrizione di note vocali lunghe fino a 15 secondi è gratuita, mentre per messaggi più lunghi, bisogna acquistare la versione premium, che costa 2.29 euro.