Home Politica PD, Inizia la sfida tra Franceschini e Renzi

PD, Inizia la sfida tra Franceschini e Renzi

Politica – La direzione del partito democratico tenutasi al largo del nazareno, ha confermato le due visioni contrastanti  di partito che sono in campo. Da un lato Matteo Renzi che persegue ancora il sogno del 40 per cento dei consensi in corsa solitaria, annullando di fatto il sistema della alleanze tanto darò alla sinistra di un certo tempo.

Vincere da soli per governare da soli, è ancora questo il motto di Renzi e soci, nonostante le numerose sconfitte annoverate dai democratici  , Referendum Costituzionale  compreso . “Prima i programmi e poi tutto il resto, io penso ai cittadini e non alle alleanze “- questo in sintesi il pensiero di Renzi esplicitato alla direzione del partito.

PUBBLICITÀ

Su un piano invece completamente opposto alla prospettiva renziana, si colloca il pensiero di un autorevole esponente del partito Dario Franceschini espressione della componente ex Margherita, che ha di fatto indicato una rotta politica che si pone in netta discontinuità rispetto alle politiche di isolamento  del Pd.

Ripartire dai partiti che hanno sostenuto prima Letta, poi Renzi e ora Paolo Gentiloni, dialogare con le forze a sinistra del Pd, in particolare modo con Pisapia e il suo Campo Progressista , e dialogo aperto anche a tutte quelle forse di centro che in alcune regioni solo alleate con i democratici , come per esempio l’Udc – queste sono le linee guida dettate dal potente Ministro della cultura .

” Da soli non si vince , servono delle alleanze per vincere”- questo in sintesi il pensiero di Franceschini. La piattaforma politica e di alleanza lanciata dal ministro Franceschini è stata condivisa da Andrea Orlando , Ministro e riferimento della sinistra dem , il quale nei giorni scorsi ha proposto un referendum interno al partito , per dire chiaramente no ad un eventuale ipotesi di accordo politico tra democratici e il partito di Silvio Berlusconi subito le elezioni politici, nessun inciucio o come simili.  Sulla stessa lunghezza d’onda Gianni Cuperlo e la sua corrente.

Infine,  è possibile legittimamente affermare, che dopo la direzione di ieri , si sia aperta una seconda fase del congresso Pd, ma senza primarie, ma forse fondata veramente sui contenuti e non sui grandi numeri , ma sulla riflessione e la discussione corale è veramente franca e senza remore o timori all’interno dei democratici.

PUBBLICITÀ
Annabella cartomante